Entra Registrati
TWOW – Analisi e sintesi della Lettera Rosa
di Jacaerys Velaryon
creato il 29 maggio 2024


Jacaerys Velaryon
Confratello
Utente
4537 messaggi
Jacaerys Velaryon
Confratello



Utente
4537 messaggi
Inviato il 29 maggio 2024 21:56 Autore

Bastard, was the only word written outside the scroll. No Lord Snow or Jon Snow or Lord Commander. Simply Bastard. And the letter was sealed with a smear of hard pink wax. “You were right to come at once,” Jon said. You were right to be afraid. He cracked the seal, flattened the parchment, and read.

 

Your false king is dead, bastard. He and all his host were smashed in seven days of battle. I have his magic sword. Tell his red whore.

 

Your false king's friends are dead. Their heads upon the walls of Winterfell. Come see them, bastard. Your false king lied, and so did you. You told the world you burned the King-Beyond-the-Wall. Instead you sent him to Winterfell to steal my bride from me.

 

I will have my bride back. If you want Mance Rayder back, come and get him. I have him in a cage for all the north to see, proof of your lies. The cage is cold, but I have made him a warm cloak from the skins of the six whores who came with him to Winterfell.

 

I want my bride back. I want the false king's queen. I want his daughter and his red witch. I want this wildling princess. I want his little prince, the wildling babe. And I want my Reek. Send them to me, bastard, and I will not trouble you or your black crows. Keep them from me, and I will cut out your bastard's heart and eat it.

 

It was signed,

 

Ramsay Bolton,

 

Trueborn Lord of Winterfell.

 

(Jon XIII, ADWD)

 

Il mistero più famoso di ADWD è senza dubbio quello della Lettera Rosa, o Lettera Bastarda, il messaggio con cui apparentemente Ramsay Bolton, fra insulti e minacce, ha annunciato a Jon Snow la sua vittoria contro Stannis Baratheon nella Battaglia del Ghiaccio nonché la cattura di Mance Rayder.

 

Le discussioni in merito, sia in questo forum che al di fuori, sono numerosissime e vertono su chi sia il reale autore della missiva nonché sulla veridicità delle informazioni in essa riportate. Le tre più accreditate sono quelle incentrate sullo stesso Ramsay, su Stannis, su Theon e Asha Greyjoy (a volte in collaborazione con Stannis), e su Mance.

 

Nel corso degli anni ho letto e riletto, ascoltato e riascoltato, molte di queste ipotesi. A titolo riassuntivo, metto il video di ben tre ore del Podcast del Ghiaccio e del Fuoco dedicato al tema:

 

https://youtu.be/kw07-3PkBo8?feature=shared

 

Nel mio piccolo, ho deciso di dare un contributo organico alla ricerca della soluzione del mistero.

 

Nella disamina esposta di seguito, ho scomposto in unità informative il testo e il materiale di cui è costituita l'epistola maledetta: l'obiettivo è di individuare quale sia l’ipotesi più probabile sulla genesi della missiva, mettendo in luce eventuali contraddizioni rispetto all’assunto iniziale, ossia che il mittente è effettivamente Ramsay e che il testo è interamente veritiero o creduto tale dall’autore.

 

Attraverso un’elencazione di pro e contro, la domanda a cui proverò a rispondere è: il postulato regge alla verifica degli elementi diegetici, oppure bisogna percorrere strade speculative differenti?

 

 

Parte I - Le altre due lettere rosa

 

Prima di dare uno sguardo all’epistola maledetta, bisogna presentare le altre due missive attribuite a Ramsay in ADWD, quella inviata ad Asha Greyjoy e la prima mandata a Jon Snow, le quali sono necessarie come pietre di paragone.

 

 

La lettera ad Asha

 

Ramsay minaccia la figlia di Balon Greyjoy, che in quel momento si trova a Deepwood Motte, comunicandole la caduta del Moat Cailin e la prigionia di suo fratello Theon:

 

Asha Greyjoy was seated in Galbart Glover’s longhall drinking Galbart Glover’s wine when Galbart Glover’s maester brought the letter to her.

 

“My lady.” The maester’s voice was anxious, as it always was when he spoke to her. “A bird from Barrowton.” He thrust the parchment at her as if he could not wait to be rid of it. It was tightly rolled and sealed with a button of hard pink wax.

 

Barrowton. Asha tried to recall who ruled in Barrowton. Some northern lord, no friend of mine. And that seal … the Boltons of the Dreadfort went into battle beneath pink banners spattered with little drops of blood. It only stood to reason that they would use pink sealing wax as well.

 

This is poison that I hold, she thought. I ought to burn it. Instead she cracked the seal. A scrap of leather fluttered down into her lap. When she read the dry brown words, her black mood grew blacker still. Dark wings, dark words. The ravens never brought glad tidings. The last message sent to Deepwood had been from Stannis Baratheon, demanding homage. This was worse. “The northmen have taken Moat Cailin.”

 

“The Bastard of Bolton?” asked Qarl, beside her.

 

“Ramsay Bolton, Lord of Winterfell, he signs himself. But there are other names as well.” Lady Dustin, Lady Cerwyn, and four Ryswells had appended their own signatures beneath his. Beside them was drawn a crude giant, the mark of some Umber.

 

Those were done in maester’s ink, made of soot and coal tar, but the message above was scrawled in brown in a huge, spiky hand. It spoke of the fall of Moat Cailin, of the triumphant return of the Warden of the North to his domains, of a marriage soon to be made. The first words were, “I write this letter in the blood of ironmen,” the last, “I send you each a piece of prince. Linger in my lands, and share his fate.”

 

Asha had believed her little brother dead. Better dead than this. The scrap of skin had fallen into her lap. She held it to the candle and watched the smoke curl up, until the last of it had been consumed and the flame was licking at her fingers.

 

(The Wayward Bride, ADWD)

 

 

La prima lettera a Jon

 

Ramsay notifica al Lord Comandante dei Guardiani della Notte il suo imminente matrimonio con la sorellastra Arya Stark (in realtà Jeyne Poole):

 

He turned to find Clydas standing beneath the broken archway, a parchment in his hand. “From Stannis?” Jon had been hoping for some word from the king. The Night’s Watch took no part, he knew, and it should not matter to him which king emerged triumphant. Somehow it did. “Is it Deepwood?”

 

“No, my lord.” Clydas thrust the parchment forward. It was tightly rolled and sealed, with a button of hard pink wax. Only the Dreadfort uses pink sealing wax. Jon ripped off his gauntlet, took the letter, cracked the seal. When he saw the signature, he forgot the battering Rattleshirt had given him.

 

Ramsay Bolton, Lord of the Hornwood, it read, in a huge, spiky hand. The brown ink came away in flakes when Jon brushed it with his thumb. Beneath Bolton’s signature, Lord Dustin, Lady Cerwyn, and four Ryswells had appended their own marks and seals. A cruder hand had drawn the giant of House Umber. “Might we know what it says, my lord?” asked Iron Emmett.

 

Jon saw no reason not to tell him. “Moat Cailin is taken. The flayed corpses of the ironmen have been nailed to posts along the kingsroad. Roose Bolton summons all leal lords to Barrowton, to affirm their loyalty to the Iron Throne and celebrate his son’s wedding to …” His heart seemed to stop for a moment. No, that is not possible. She died in King’s Landing, with Father.

 

(Jon VI, ADWD)

 

 

Parte II - Il materiale della lettera

 

Per quanto riguarda i connotati fisici della missiva enigmatica, GRRM ci fornisce, in via diretta e indiretta, quattro informazioni:

 

 

Informazione 1 - La ceralacca

 

La Lettera Bastarda, come le epistole sicuramente provenienti da Ramsay, è sigillata con cera rosa; a differenza delle precedenti, tuttavia, il sigillo non è definito come un “bottone” (button), bensì come una “macchia” (smear).

 

Va inoltre rilevato che Asha e Jon compulsano il colore dei sigilli delle prime due missive, ritenuto peculiare dei Bolton, ma non l’effigie impressa negli stessi. Tale comportamento fa pensare che Ramsay apponga sulle proprie lettere timbri dall’aspetto anonimo, a differenza, per esempio, di Stannis:

 

Clydas had come and gone, Jon noted as he was hanging his cloak on the peg beside the door. A letter had been left on the table in his solar. Eastwatch or the Shadow Tower, he assumed at first glance. But the wax was gold, not black. The seal showed a stag’s head within a flaming heart. Stannis. Jon cracked the hardened wax, flattened the roll of parchment, read. A maester’s hand, but the king’s words.

 

(Jon VII, ADWD)

 

È presumibile che Ramsay non disponga del “marchio” ufficiale Bolton, detenuto da suo padre Roose, oppure che non sia proprio usanza dei Bolton stampare particolari simboli sulla cera, essendo il colore rosa sufficientemente distintivo.

 

Contro Ramsay

 

La descrizione divergente del sigillo di cera apposto al terzo messaggio fa pensare all’eventualità che la lettera sia stata aperta e poi richiusa, o persino a una falsificazione. Il fatto che il sigillo di Ramsay spicchi più per il suo colore che per la sua forma renderebbe più semplice una contraffazione e più plausibile che Jon non l’abbia notata.

 

Pro Ramsay

 

L’uso del termine “macchia” da parte di GRRM può avere giustificazioni coerenti con l’ipotesi di Ramsay quale autore della lettera misteriosa. Le prime due missive erano state “confezionate” probabilmente con l’ausilio di Tybald, il maester di Dreadfort, mentre la terza dovrebbe essere stata realizzata in sua assenza, dato che Tybald era stato preso prigioniero da Stannis prima della Battaglia del Ghiaccio; di conseguenza, Ramsay potrebbe aver sigillato l’ultima epistola in maniera raffazzonata poiché non assistito da un maester.

 

Per giunta, è da considerare che in ASOIAF i sigilli non sono definiti unicamente come “bottoni” o “macchie”, ma anche come “grumi” (blob) o “punti” (dot); non è detto che le divergenze fra i vocaboli indichino manipolazioni, essi possono essere dei semplici sinonimi.

 

 

Informazione 2 - La pelle

 

Similmente alla prima missiva inviata a Jon, ma al contrario di quella mandata ad Asha, la Lettera Rosa non è accompagnata da un pezzo di cute umana.

 

Contro Ramsay

 

Tale mancanza è bizzarra nel contesto dell'epistola, in cui si parla di torture inflitte a Mance Rayder e alle sue mogli di lancia da parte di Ramsay. Il Bolton aveva dato ad Asha una prova delle sofferenze inflitte a suo fratello, allegando al primo messaggio un frammento di Theon, mentre in questo caso manca un elemento che confermi che Ramsay abbia fatto del male all’emissario di Jon.

 

Pro Ramsay

 

Quanto detto lascia dubbi sia sulla veridicità della lettera che sull’identità dell’autore, ma non è un indizio decisivo.

 

Ramsay potrebbe non aver inviato pelle umana per ragioni contingenti, ad esempio per la fretta di recapitare il messaggio o, di nuovo, per via dell’assenza di Tybald. Un’altra motivazione può essere che il modus operandi adottato nei confronti di Asha e Theon fosse un caso particolare, correlato alla sottomissione del Principe di Winterfell e alla sua degradazione a Reek; nel caso di Jon, era forse superfluo allegare un pezzo di pelle alla Lettera Bastarda, dato che il testo della missiva è di per sé minaccioso. Infine, quantunque un frammento di cute ci fosse stato, esso non sarebbe stato ugualmente una prova schiacciante della provenienza dell’epistola da Ramsay: se si ritiene contraddittoria la non presenza della pelle con l’ipotesi Ramsay, allora si può dire lo stesso per altri scenari; anche Stannis, per esempio, avrebbe potuto recuperarla da un cadavere a caso per rendere più credibile la presunta contraffazione.

 

 

Informazione 3 - L’inchiostro

 

Mentre Asha e Jon avevano esaminato il fragile inchiostro marrone delle prime due epistole, che la Greyjoy aveva scoperto essere sangue degli Ironborn dalle parole dello stesso Ramsay, per la Lettera Rosa non ci è dato sapere il tipo di pigmento utilizzato nella stesura.

 

L’omissione potrebbe significare o che Jon non ci ha fatto caso perché la Lettera Bastarda è scritta anch’essa con inchiostro sanguigno, non più una novità, oppure perché è stato invece usato l’inchiostro nero, quello che chiunque si aspetterebbe di vedere. L’ipotesi più probabile, comunque, è che chi ha scritto la Lettera Bastarda abbia fatto ricorso all’inchiostro normale, poiché nella missiva non è proprio menzionata la pratica del dissanguamento, né verso Mance, né verso le mogli di lancia, né verso altre presunte vittime di Ramsay.

 

Contro Ramsay

 

In maniera analoga alla mancanza di un pezzo di pelle, tale dettaglio accresce la possibilità che la missiva non provenga da Ramsay: è strano che il Bolton non abbia redatto l’epistola col sangue dei prigionieri wildling a conferma delle proprie parole. Ramsay non aveva specificato a Jon che la lettera inviatagli precedentemente era stata scritta col sangue perché il macabro inchiostro era stato usato per la missiva contro Asha e poi “riciclato” per quella a Jon; nel terzo messaggio, invece, a essere minacciato è proprio Jon, e ci si sarebbe aspettati per Mance e le mogli qualcosa di simile a ciò che hanno subito gli Ironborn.

 

Pro Ramsay

 

Per l'enigma dell’inchiostro, le controargomentazioni alla tesi in sfavore di Ramsay sono pressoché identiche a quelle circa l’assenza di frammenti di cute umana.

 

 

Informazione 4 - La grafia

 

Dai pensieri di Jon e Asha sappiamo che le prime due epistole sono state scritte di proprio pugno da Ramsay, e la sua grafia è descritta come “grande” e “appuntita”, mentre nella Lettera Rosa il modo di scrivere dell’autore non è specificato. Ciò fa supporre che Jon non abbia riscontrato rilevanti differenze grafiche con la missiva ricevuta in precedenza, dando per scontato che l’autore sia identico.

 

Contro Ramsay

 

È possibile che qualcuno abbia riprodotto ad arte la scrittura di Ramsay: la cosa potrebbe non essere particolarmente difficile visto che la grafia del Bolton appare rozza. È fondamentale, però, che il falsario conosca il modo di scrivere di Ramsay, ad esempio, disponendo della lettera mandata ad Asha.

 

Oltretutto, potrebbe anche non essere stato plagiato l’intero testo: il contraffattore potrebbe aver scritto con la propria grafia solo la parte principale dell’epistola, fingendo che la sua mano fosse quella di un maester e limitandosi all’imitazione grafica di Ramsay per la firma.

 

Un ulteriore scenario, per quanto inverosimile, è che il Bolton abbia redatto il testo di proprio pugno, ma sotto la costrizione di un’altra persona, il che sarebbe equivalente a una falsificazione.

 

Pro Ramsay

 

La spiegazione più semplice per l’assenza di riferimenti alla mano di chi ha creato la Lettera Bastarda è che, come le antecedenti, essa sia una chiara opera di Ramsay. Le parole violente e brutali utilizzate fanno pensare a un messaggio non dettato a un maester, per cui è ragionevole supporre che il Bolton non vi abbia posto soltanto la firma, ma l’abbia scritto interamente.

 

Il fatto che Ramsay prediliga redigere i documenti di proprio pugno, anziché farli scrivere ai maester sotto dettatura, come invece è comune fra i nobili, è per giunta sottolineato alcune volte.

 

"Ironborn do not surrender," said a third voice.

"Tell that to my father. Lord Balon bent the knee when Robert broke his wall. Elsewise he would have died. As you will if you do not yield." He gestured at the parchment. "Break the seal. Read the words. That is a safe conduct, written in Lord Ramsay's own hand. Give up your swords and come with me, and his lordship will feed you and give you leave to march unmolested to the Stony Shore and find a ship for home. Elsewise you die."

 

(Reek II, ADWD)

Jon cracked the hardened wax, flattened the roll of parchment, read. A maester’s hand, but the king’s words.

(Jon VI, ADWD)

“The grey rats read and write our letters, even for such lords as cannot read themselves, and who can say for a certainty that they are not twisting the words for their own ends? What good are they, I ask you?”

(The Prince of Winterfell, ADWD)

A maggior ragione, va ribadito che Tybald presumibilmente non si trovava a Winterfell nel momento in cui il Bolton avrebbe composto la missiva.

 

 

Parte III - Il testo della lettera

 

Passiamo ora agli aspetti immateriali della Lettera Rosa. Dividiamo il messaggio nei singoli concetti espressi dal suo autore e confrontiamoli con le informazioni ad essi relazionabili che possiamo desumere dai romanzi di ASOIAF.

 

 

Informazione 1 - “Bastard”

 

Il termine “bastardo” è presente sul lato esterno del rotolo di pergamena come indicazione del destinatario della lettera, ossia Jon, ma è ricorrente anche nel messaggio stesso, sempre in riferimento allo Snow. È evidente che chiunque abbia scritto la missiva volesse insultare il Lord Comandante dei Guardiani della Notte colpendolo in un punto debole: la nascita illegittima.

 

Contro Ramsay

 

Fare ricorso all’appellativo di bastardo sarebbe paradossale per Ramsay, dato che lo stesso figlio di Roose Bolton è un bastardo e odia essere definito tale, rifiutando l’appellativo Snow ancor prima di essere legittimato:

 

“Bolton’s bastard is massing men at the Dreadfort,” she warned them. “I hope he means to take them south to join his father at the Twins, but when I sent to ask his intent, he told me that no Bolton would be questioned by a woman. As if he were trueborn and had a right to that name.”

 

(Bran II, ACOK)

 

If I had a tail, the Bastard would have cut it off. The thought came unbidden, a vile thought, dangerous. His lordship was not a bastard anymore. Bolton, not Snow. The boy king on the Iron Throne had made Lord Ramsay legitimate, giving him the right to use his lord father’s name. Calling him Snow reminded him of his bastardy and sent him into a black rage. Reek must remember that.

 

(Reek I, ADWD)

 

In aggiunta, l'insistenza dell’autore dell’epistola sullo status di bastardo di Jon potrebbe significare che egli conosce di persona lo Snow e il suo dolore per la propria condizione; ciò escluderebbe Ramsay in automatico.

 

Pro Ramsay

 

L’utilizzo da parte di Ramsay di una parola che odia profondamente è spiegabile con un processo psicologico di negazione e proiezione: è possibile che egli alieni da sé l’idea di essere un bastardo, trasferendo il marchio d’infamia sulla figura di Jon, la propria nemesi. Siccome non si considera un bastardo, anche perché ufficialmente non lo è più, per il figlio di Roose Bolton potrebbe non essere un problema usare quell’insulto, fintanto che è rivolto ad altri e non a se stesso. In effetti, in ADWD c’è un esempio di una situazione in cui Ramsay usa la parola indicibile:

 

Reek tried to lift the head up by the ear. It was no good. The flesh was green and rotting, and the ear tore off between his fingers. Little Walder laughed, and a moment later all the other men were laughing too. "Oh, leave him be," said Ramsay. "Just see to Blood. I rode the bastard hard."

 

(Reek III, ADWD)

 

Peraltro, non è necessario che l’autore dell’epistola conosca Jon di persona: l’essere bastardi è in generale malvisto a Westeros, quindi anche per un estraneo non sarebbe peregrino dedurre che per lo Snow si tratta di un tasto dolente. E questo, a maggior ragione, se Ramsay ritiene che Jon voglia rubargli Winterfell.

 

 

Informazione 2 - “Your false king is dead, bastard. He and all his host were smashed in seven days of battle. I have his magic sword”

 

Ramsay, o chi per lui, sostiene che Stannis e il suo esercito sarebbero stati sconfitti in sette giorni di battaglia.

 

Contro Ramsay

 

Sette giorni sono una durata inverosimile per una battaglia nel contesto militare di Westeros, nonché nelle condizioni meteorologiche in cui si trova il territorio di Winterfell. Il numero sette potrebbe essere stato scelto da chi ha redatto la lettera per "gonfiare" l’esito dello scontro, in un senso o nell'altro: chi ha vinto, o si spaccia per vincitore, per dare l'impressione di una successo faticoso, ottenuto con grande abilità e dispendio di forze (cosa che potrebbe invogliare Jon a intervenire militarmente, al fine di colpire Ramsay in un momento di debolezza); chi ha perso, o finge di aver perso, per non apparire come facilmente sconfitto. Il sette, inoltre, potrebbe avere una valenza simbolica, in quanto cifra associata alla fede religiosa degli andali. Considerata questa incongruenza, anche la morte di Stannis non è attendibile.

 

Pro Ramsay

 

È possibile che i sette giorni riportati nella missiva non indichino letteralmente una settimana di combattimenti, bensì la durata complessiva della spedizione dei Bolton contro Stannis. Sappiamo, infatti, che l'accampamento Baratheon si trova a circa tre giorni di distanza da Winterfell:

 

"I see you all want blood," the Lord of the Dreadfort said. Maester Rhodry stood beside him, a raven on his arm. The bird's black plumage shone like coal oil in the torchlight. Wet, Theon realized. And in his lordship's hand, a parchment. That will be wet as well. Dark wings, dark words. "Rather than use our swords upon each other, you might try them on Lord Stannis." Lord Bolton unrolled the parchment. "His host lies not three days' ride from here, snowbound and starving, and I for one am tired of waiting on his pleasure. Ser Hosteen, assemble your knights and men-at-arms by the main gates. As you are so eager for battle, you shall strike our first blow. Lord Wyman, gather your White Harbor men by the east gate. They shall go forth as well."

 

(Theon I, ADWD)

 

Di conseguenza, i sette giorni potrebbero essere divisi in: tre giorni di viaggio d’andata; un giorno di combattimento effettivo; tre giorni di viaggio di ritorno. Oltretutto, il numero in questione non ha particolare importanza per la maggioranza degli attori in campo, in quanto fra di loro non va di moda il Credo dei Sette; prevalgono, invece, i seguaci degli Antichi Dei e del Signore della Luce.

 

Ad ogni modo, la certezza assoluta che Stannis sia morto non l'abbiamo a prescindere. Fra i lettori è ormai invalsa la tesi secondo cui il re Baratheon avrebbe ingannato Ramsay vincendo la Battaglia del Ghiaccio ma dissimulando la propria dipartita, come viene insinuato in questo passaggio:

 

“It may be that we shall lose this battle,” the king said grimly. “In Braavos you may hear that I am dead. It may even be true. You shall find my sellswords nonetheless.”

 

(Theon I, TWOW)

 

Per maggiori approfondimenti, vi rimando alla teoria del Night Lamp.

 

 

Informazione 3 -“Tell his red whore”

 

L’autore dell’epistola del mistero apostrofa Melisandre, e più avanti pure le mogli di lancia di Mance Rayder, come “p***ane”.

 

Contro Ramsay

 

Ramsay non fa mai ricorso in pagina al termine ”whore”. Per quanto tratti orribilmente le donne, il figlio di Roose Bolton non sembra incline a utilizzare un linguaggio degradante nei loro confronti, salvando pubblicamente le apparenze.

 

C’è invece un altro personaggio nella sottotrama del Nord in ADWD che usa ripetutamente quell’offesa, in particolare contro le finte lavandaie di Abel: Theon Greyjoy. Ciò fa pensare che lui possa essere coinvolto nella stesura della lettera Rosa.

 

Pro Ramsay

 

Il fatto che Ramsay non usi abitualmente la parola “whore” non esclude a priori che possa averla scritta nella missiva diretta a Jon, in uno stato di particolare alterazione.

 

 

Informazione 4 - “Your false king's friends are dead. Their heads upon the walls of Winterfell. Come see them, bastard”

 

Secondo chi ha scritto la lettera, gli alleati di Stannis Baratheon sono stati eliminati e le loro teste esibite sulle mura di Winterfell.

 

Contro Ramsay

 

Tralasciando il fatto che l’epistola non chiarisce chi siano questi amici di Stannis, i Bolton sono noti per scuoiare i nemici, non per infilare capi sulle picche. A tal proposito, dopo la conquista del Moat Cailin, Ramsay ordina qualcosa di molto più cruento: fa esporre i cadaveri degli Ironborn dopo averli scuoiati impalando i loro corpi interi e non le sole teste:

 

The next morning Lord Ramsay dispatched three riders down the causeway to take word to his

lord father that the way was clear. The flayed man of House Bolton was hoisted above the Gatehouse

Tower, where Reek had hauled down the golden kraken of Pyke. Along the rotting-plank road, wooden

stakes were driven deep into the boggy ground; there the corpses festered, red and dripping.

Sixty-three, he knew, there are sixty-three of them. One was short half an arm. Another had a parchment

shoved between its teeth, its wax seal still unbroken.

 

(Reek II, ADWD)

 

Pro Ramsay

 

A parte il fatto che non era strettamente necessario precisare chi fossero i sostenitori di Stannis ammazzati, in quanto gli schieramenti del conflitto sono abbastanza noti, esporre i capi degli avversari uccisi come monito per i vassalli e il popolo è una pratica comune della nobiltà di Westeros. Non sarebbe strano che pure i Bolton ne facessero ricorso, tenendo presente, per giunta, che il contesto bellico e politico della difesa di Winterfell è differente e impone maggiore “sobrietà di costumi” rispetto alla presa del Moat Cailin.

 

Infine, un esempio di capo esibito su una picca appartenente a un “amico di Stannis” è presente in un’anticipazione non ufficiale di TWOW:

 

Before him rode three banner bearers. One bore the stag and lion standard of King Tommen, another the Twin Towers of House Frey. The third brandished a bloody head impaled upon the point of a tall spear. An old man's head it was, white-bearded and one eyed. The spear was [...] with a pale wood, almost white [...] along its upper shaft had [...] dark and red. Crowfood Umber, Asha knew. The old northman had fought to his death, it seemed.

 

(Asha I,TWOW)

 

 

Informazione 5 - “Your false king lied, and so did you. You told the world you burned the King-Beyond-the-Wall. Instead you sent him to Winterfell to steal my bride from me”

 

L’autore della lettera accusa Jon Snow di aver finto di giustiziare Mance Rayder per poi inviarlo a Winterfell con l’incarico di rapire la falsa Arya Stark (più avanti, Ramsay preciserà che Rayder è suo prigioniero, un fatto che qui è comunque intuibile).

 

Contro Ramsay

 

Questo passaggio dell’epistola, ed alcuni seguenti dal simile tenore, pone una serie di questioni. Come avrebbe fatto Ramsay a catturare Mance e le mogli di lancia? Come avrebbe ottenuto in un breve lasso di tempo informazioni scottanti dai prigionieri? In particolare, perché Mance e le mogli avrebbero addirittura rivelato che Abel era il Re oltre la Barriera, anziché nascondere questo prezioso dettaglio? E perché Ramsay accuserebbe Jon di aver partecipato all’inganno della falsa morte di Mance?

 

Forse sono tutte menzogne.

 

Pro Ramsay

 

Premesso che la cronologia degli eventi in ASOIAF è spesso incerta e lacunosa, dunque è possibile che il tempo impiegato da Ramsay per interrogare Mance e le mogli sia stato coerente, almeno nelle intenzioni di GRRM, con lo svolgimento dell’intera sottotrama nordica, ai dubbi posti sopra si possono dare risposte plausibili.

 

È credibile che Mance e le mogli, perlomeno quelle superstiti, siano stati catturati dai Bolton mentre aiutavano Theon Greyjoy e Jeyne Poole a fuggire da Winterfell; è verosimile che Ramsay, da navigato torturatore, sia riuscito rapidamente a strappare ai suoi prigionieri ogni brandello di verità (“A naked man has few secrets, but a flayed man’s got none”, sentenzia Roose); è comprensibile che Jon sia accusato di essere complice della sostituzione di Mance con Rattleshirt, nonostante sia stato messo a parte del segreto in un secondo momento.

 

A latere: la missiva sembra pure confermare che Stannis sia direttamente coinvolto nell’inganno, il che, sebbene molti lettori ipotizzino che Melisandre abbia agito da sola, ha assolutamente senso.

 

 

Informazione 6 - “I will have my bride back. If you want Mance Rayder back, come and get him. I have him in a cage for all the north to see, proof of your lies. The cage is cold, but I have made him a warm cloak from the skins of the six whores who came with him to Winterfell”

 

Il presunto Ramsay conferma di aver preso prigioniero Mance e aggiunge di tenerlo ancora in vita, esposto dinanzi alla nobiltà radunata a Winterfell.

 

Contro Ramsay

 

Questo passaggio della lettera sembra costruito unendo informazioni relative ad eventi differenti nonché provenienti da fonti diverse: la prigionia di Mance in una gabbia richiama la falsa esecuzione dello stesso Rayder da parte di Melisandre, con tanto di parole citate quasi testualmente (“for all the world to see”), mentre lo scuoiamento delle mogli di lancia si ricollega all’intenzione di Ramsay di ricavare un mantello dalla pelle dell’assassino di Little Walder Frey, di cui Theon era stato testimone.

 

Inside his cage, Mance Rayder clawed at the noose about his neck with bound hands and screamed incoherently of treachery and witchery, denying his kingship, denying his people, denying his name, denying all that he had ever been. He shrieked for mercy and cursed the red woman and began to laugh hysterically.

 

(Jon II, ADWD)

 

"Stannis burned the wrong man."

"No." The wildling grinned at him through a mouth of brown and broken teeth. "He burned the man he had to burn, for all the world to see. We all do what we have to do, Snow. Even kings."

 

(Jon VI, ADWD)

 

"What man?" Ramsay demanded. "Give me his name. Point him out to me, boy, and I will make you a cloak of his skin."

 

(Theon I, ADWD)

 

È dunque possibile che la missiva sia stata redatta da un imitatore di Ramsay assemblando e riciclando tutte queste informazioni slegate fra loro per rendere più credibile la propria menzogna.

 

Inoltre, appare lampante che l’arco narrativo del Re-oltre-la-Barriera in ADWD, per come ci è narrato prima e dopo la lettura dell’epistola maledetta (l’ingresso a Winterfell nei panni del musicista Abel, la fuga della presunta Arya Stark, la cattura da parte dei Bolton), abbia delle somiglianze con la leggenda di Bael il Bardo

 

“The Stark in Winterfell wanted Bael’s head, but never could take him, and the taste o’ failure galled him. One day in his bitterness he called Bael a craven who preyed only on the weak. When word o’ that got back, Bael vowed to teach the lord a lesson. So he scaled the Wall, skipped down the kingsroad, and walked into Winterfell one winter’s night with harp in hand, naming himself Sygerrik of Skagos. Sygerrik means ‘deceiver’ in the Old Tongue, that the First Men spoke, and the giants still speak.

 

“North or south, singers always find a ready welcome, so Bael ate at Lord Stark’s own table, and played for the lord in his high seat until half the night was gone. The old songs he played, and new ones he’d made himself, and he played and sang so well that when he was done, the lord offered to let him name his own reward. ‘All I ask is a flower,’ Bael answered, ‘the fairest flower that blooms in the gardens o’ Winterfell.’

 

“Now as it happened the winter roses had only then come into bloom, and no flower is so rare nor precious. So the Stark sent to his glass gardens and commanded that the most beautiful o’ the winter roses be plucked for the singer’s payment. And so it was done. But when morning come, the singer had vanished … and so had Lord Brandon’s maiden daughter. Her bed they found empty, but for the pale blue rose that Bael had left on the pillow where her head had lain.”

 

[..]

 

“Lord Brandon had no other children. At his behest, the black crows flew forth from their castles in the hundreds, but nowhere could they find any sign o’ Bael or this maid. For most a year they searched, till the lord lost heart and took to his bed, and it seemed as though the line o’ Starks was at its end. But one night as he lay waiting to die, Lord Brandon heard a child’s cry. He followed the sound and found his daughter back in her bedchamber, asleep with a babe at her breast.”

 

“Bael had brought her back?”

 

“No. They had been in Winterfell all the time, hiding with the dead beneath the castle. The maid loved Bael so dearly she bore him a son, the song says … though if truth be told, all the maids love Bael in them songs he wrote. Be that as it may, what’s certain is that Bael left the child in payment for the rose he’d plucked unasked, and that the boy grew to be the next Lord Stark. So there it is—you have Bael’s blood in you, same as me.”

 

[..]

 

“The song ends when they find the babe, but there is a darker end to the story. Thirty years later, when Bael was King-beyond-the-Wall and led the free folk south, it was young Lord Stark who met him at the Frozen Ford … and killed him, for Bael would not harm his own son when they met sword to sword.”          

 

“So the son slew the father instead,” said Jon.

 

“Aye,” she said, “but the gods hate kinslayers, even when they kill unknowing. When Lord Stark returned from the battle and his mother saw Bael’s head upon his spear, she threw herself from a tower in her grief. Her son did not long outlive her. One o’ his lords peeled the skin off him and wore him for a cloak.”

 

(Jon VI, ACOK)

 

Si può quindi ritenere che l’autore della missiva sia il medesimo Mance, il quale potrebbe essersi inventato la propria prigionia e lo scuoiamento delle guerriere ispirandosi al mito di Bael.

 

Pro Ramsay

 

Le mezze verità potrebbero essere interamente vere. Nulla vieta di pensare che Ramsay stesso si sia fatto descrivere la falsa esecuzione da Mance, anche con dovizia di particolari, e che abbia scuoiato le sei guerriere wildling nonostante costoro non fossero responsabili della morte di Little Walder.

 

Le similarità fra la vicenda di Mance e quella di Bael possono essere ricondotte alla volontà di GRRM di creare un collegamento simbolico fra i due personaggi; del resto, è noto che sussistano parallelismi fra Rhaegar Targaryen e Bael nonché fra Rhaegar e Mance.

 

Infine, è più verosimile che sia stato il Bolton a raccogliere e riassumere informazioni da più fonti rispetto a un presunto falsificatore. Mance non era al corrente della minaccia di scuoiamento, poteva soltanto immaginarsela; di converso, Theon non aveva conoscenza della prigionia di Mance a Castle Black né sa che Abel è il Re-oltre-la-Barriera: questo secondo punto, al massimo, potrebbe averlo capito Stannis, parlando con Theon oppure con Mors (se crediamo alla teoria secondo cui Crowfood e Rayder sono in combutta).

 

 

Informazione 7 - “I want my bride back. [...] And I want my Reek”

 

L’autore della lettera pretende di avere indietro Jeyne Poole, cioè la falsa Arya Stark, e Theon Greyjoy, qui chiamato come il fu “braccio destro” di Ramsay.

 

Contro Ramsay

 

Ha poco senso che Ramsay abbia apostrofato Theon nella lettera col suo falso nome Reek, dato che Jon non conosce Reek di persona (non sappiamo neanche se ha mai sentito parlare del servitore di Ramsay). Come potrebbe Jon ottemperare alla richiesta?

 

Oltretutto, il passaggio che recita “I want my bride back. [...] And I want my Reek” è molto simile alle parole dette dallo stesso Theon a Stannis Baratheon. Forse è proprio il Greyjoy ad aver scritto, o almeno dettato, la missiva.

 

"[...] He wants his bride back. He wants his Reek.”

 

(Theon I, TWOW)

 

Pro Ramsay

 

Chiamare Theon col nome Reek è un’azione coerente con la personalità di Ramsay. Egli, infatti, ha trasformato il Greyjoy nel sostituto del suo defunto servo, ed è per giunta abituato a negare la realtà dei fatti. Così come il figlio di Roose Bolton non considera se stesso un bastardo, allo stesso modo Jeyne e Theon non esistono, essi devono essere Arya e Reek. Lo stesso Theon fa fatica a ricordare la sua vera identità a causa dei traumi fisici e psicologici che Ramsay gli ha riservato.

 

Fra l’altro, Theon è al corrente di diversi segreti dei Bolton, il più importante dei quali è la sopravvivenza di Bran e Rickon. Se Ramsay avesse comunicato nell’epistola chi era in realtà Reek, avrebbe potuto spingere Jon a interrogare Theon e a farsi svelare questa e altre informazioni compromettenti per la pretesa dei Bolton sul Nord.

 

Infine, la coincidenza fra le parole di Theon nell’anticipazione di TWOW e le parole del presunto Ramsay nella Lettera Rosa potrebbe essere banalmente dovuta al fatto che il Greyjoy conosce bene la personalità e i pensieri del suo ex padrone.

 

 

Informazione 8 - “I want this wildling princess. I want his little prince, the wildling babe. I want the false king's queen. I want his daughter and his red witch”

 

L’autore della lettera esige da Jon Snow la consegna di Selyse Florent, Shireen Baratheon, Melisandre, Val ed Aemon Steelsong (è da notare che quest'ultimo, tuttavia, era stato sostituito dal Lord Comandante con il figlio di Gilly).

 

Indubbiamente sono tutti ostaggi preziosi: la regina e l’erede di Stannis, il “braccio sinistro” del sovrano Baratheon (quello “destro” è Davos Seaworth) nonché due figure di spicco del Popolo Libero (a nord della Barriera non esistono principi e principesse, ma a sud il loro legame con Mance Rayder ha valore). Averli come prigionieri annienterebbe potenzialmente la minaccia dei Baratheon e degli wildling al dominio Bolton.

 

La gravità e la violenza dell’ultimatum, tuttavia, rendeva poco probabile che Jon potesse dargli seguito. Infatti così non è stato.

 

Contro Ramsay

 

A parte la sola Melisandre, non è possibile per varie ragioni che Ramsay chieda queste persone come ostaggi. La moglie e la figlia di Stannis sono giunte a Castle Black solo dopo che Mance è partito per Winterfell, quindi, in base a quanto può apprendere il Bolton dai suoi interrogatori, non sono nella disponibilità diretta di Jon; al contempo, il Re oltre la Barriera non avrebbe interesse a mettere in pericolo suo figlio e sua cognata parlandone con Ramsay, né li definirebbe come “principi”, concetto estraneo alla mentalità del Popolo Libero. Richieste di tal fatta, semmai, ce le aspetteremmo da Stannis, il quale potrebbe essere stato informato da Tycho Nestoris dell’arrivo di Selyse e Shireen a Castle Black.

 

Oltretutto, perché Ramsay dovrebbe mandare un ultimatum del genere quando potrebbe attaccare Castle Black a sorpresa, facendo a pezzi i suoi nemici con relativa facilità?

 

Pro Ramsay

 

Per quanto riguarda Selyse e Shireen, il fatto che siano giunte a Castle Black in un secondo momento non cancella il fatto che comunque loro si trovassero alla Barriera, presso Eastwatch-by-the-Sea, quindi in teoria sotto la tutela di Jon. Inoltre, mettiamo che l’epistola provenga effettivamente da Stannis, dopo aver sentito le ultime novità sui Guardiani della Notte da Tycho: allora perché è menzionata Val, che l’emissario dell’Iron Bank non ha mai incontrato, essendo ella andata via da Castle Black precedentemente al suo arrivo da Braavos? Stannis ha semplicemente dato per scontato che Val fosse ancora alla Barriera o sarebbe tornata?

 

In merito proprio a Val ed Aemon, bisogna ribadire che “un uomo nudo ha pochi segreti, ma uno scuoiato nessuno”: non sarebbe strano per Mance essersi fatto estorcere informazioni su di loro da Ramsay. A maggior ragione, ciò è valido se consideriamo che il Bolton avrebbe sicuramente l'interesse a capire perché il Re-oltre-la-Barriera si è intrufolato a Winterfell per portar via la falsa Arya Stark: in primis per rivedere suo figlio. Inoltre, chiamare Val ed Aemon “principessa” e “principe” sarebbe in linea con la mentalità di qualunque nobile dei Sette Regni, non solo di Stannis.

 

Va poi nuovamente sottolineato il tono provocatorio della missiva. È plausibile che chi l’ha scritta abbia messo in conto che Jon non avrebbe consegnato nessun ostaggio: chiunque sia stato aveva come obiettivo reale destabilizzare la situazione politica della Barriera e scatenare un conflitto, non intessere un negoziato. Ciò sarebbe coerente rispetto alla personalità di Ramsay, meno con quelle di Stannis, Mance o altri candidati alla redazione dell’epistola, i quali non potevano non sapere che denunciare il tradimento della neutralità da parte di Jon lo avrebbe messo in pericolo dinanzi ai Guardiani della Notte. Perché Stannis, in particolare, avrebbe dovuto ricorrere a un escamotage del genere anziché avvisare Jon della criticità della situazione raccontandogli la verità?

 

Infine, ha senso che Ramsay abbia inviato un messaggio a Jon piuttosto che andare direttamente a Castle Black per prendersi ciò che vuole. Lanciare un attacco ai Guardiani della Notte sarebbe una follia diplomatica e militare, in virtù: della sacralità dell’ordine; del vigente assetto politico nordico, in cui i Bolton stanno simpatici a pochi dei loro alleati mentre il figlio bastardo di Eddard Stark potrebbe riscuotere consensi; delle problematiche cronologiche e logistiche inerenti a una spedizione invernale contro la Barriera.

 

È più logico lo scenario prospettato dalla Lettera Rosa: Ramsay ha denunciato pubblicamente e con rapidità l’abbandono della neutralità del Lord Comandante Snow, esponendo Mance dinanzi ai vassalli e mandando un ultimatum a Castle Black, e si è dunque assicurato di risultare dalla parte della ragione; al contrario, su di Jon ricade l’onere di decidere se arrendersi o se entrare ufficialmente in guerra contro i Bolton, ponendosi in entrambi i casi dalla parte del torto (sempre che egli non venga ammazzato prima dai suoi confratelli, come effettivamente accade). Nel frattempo, Ramsay può starsene tranquillo a Winterfell, respingendo le eventuali nuove offensive al potere Bolton.

 

 

Informazione 9 - “Send them to me, bastard, and I will not trouble you or your black crows. Keep them from me, and I will cut out your bastard's heart and eat it”

 

Ramsay minaccia di morte Jon se non ottempererà all’ultimatum.

 

Contro Ramsay

 

L’insulto “corvi neri”, rivolto ai Guardiani della Notte, è tipica del gergo del Popolo Libero, non di quella di un suddito dei Sette Regni quale è Ramsay; inoltre, la minaccia di strappare il cuore a Jon ricorda uno scambio di battute fra Styr e Mance Rayder che verteva proprio sullo Snow, mentre non è mai utilizzata dal Bolton. Su questo aspetto, è più plausibile che sia Mance ad essere implicato direttamente nella stesura della Lettera Bastarda.

 

"He knows the Watch and he knows the Wall," said Mance, "and he knows Castle Black better than any raider ever could. You'll find a use for him, or you're a fool."

Styr scowled. "His heart may still be black."

"Then cut it out.”

 

(Jon II, ASOS)

 

Peraltro, anche certe offese menzionate nei passaggi precedenti, quali “bastardo”, “strega rossa” e "falso re”, sono ricorrenti nelle discussioni fra Mance e Jon nonché fra Melisandre e Jon.

 

Pro Ramsay

 

Durante le torture a Mance e alle mogli di lancia, Ramsay potrebbe aver semplicemente appreso i loro termini gergali, decidendo quindi di copiarli per sbeffeggiare Jon e avvalorare il proprio messaggio. Oltretutto, l’espressione “cut the heart out” e simili risulta abbastanza diffusa a Westeros; discorso analogo vale per le suddette parole correlate a Mance e Melisandre: insomma, certi modi dire non sono obbligatoriamente un’esclusiva del Re-oltre-la-Barriera e della profetessa di Asshai.

 

 

Informazione 10 - “Ramsay Bolton, Trueborn Lord of Winterfell”

 

Ramsay si firma rivendicando di essere il Lord di Winterfell nonché di nascita legittima.

 

Contro Ramsay

 

La firma di questa epistola non è coerente con quella della prima inviata a Jon. In quest'ultima Ramsay si firmava, infatti, come “Lord di Hornwood”. Si può supporre che la lettera sia stata fabbricata da qualcuno che ha utilizzato come fonte d'ispirazione la lettera mandata ad Asha, in cui il Bolton si firmava invece come “Lord di Winterfell”. Per giunta, il termine “trueborn”, ossia “[figlio] legittimo”, è semplicemente falso, dato che Ramsay è nato bastardo.

 

Pro Ramsay

 

La decisione di cambiare firma nei confronti di Jon potrebbe essere un atto voluto da parte di Ramsay. Egli ha utilizzato la firma con Winterfell nella missiva ad Asha per provocarla, in quanto suo fratello Theon si era proclamato principe del castello degli Stark prima di essere schiavizzato dal Bolton; tale provocazione, al contrario, non aveva ragion d’essere verso Jon, anzi poteva essere controproducente: da qui la firma con Hornwood per il primo messaggio al comandante della Barriera. Invece, dopo aver scoperto la cospirazione di Jon ai suoi danni, Ramsay può aver fatto ricorso nella Lettera Rosa allo stesso gesto di sfida adottato contro gli Ironborn. Inoltre, è plausibile che Ramsay abbia aggiunto l’aggettivo “legittimo” per rincarare la dose, rimarcando il fatto che Jon è uno Snow mentre lui non lo è, o meglio non lo è più (ma, come detto in precedenza, egli rifiuta l’idea di essere stato un bastardo).

 

 

Parte IV - Considerazioni generali

 

A mio avviso i nodi cruciali per la soluzione del mistero sono tre:

 

1) GRRM ha “costruito” il testo della lettera in maniera da rendere possibile per i lettori di ASOIAF l’attribuzione a diversi autori;

 

2) GRRM ha “costruito” gli aspetti fisici della lettera in maniera da non rendere facilmente identificabile per i lettori di ASOIAF chi sia l’autore;

 

3) i personaggi di ASOIAF che dibattono della veridicità della lettera, Jon Snow e Tormund, hanno dubbi esclusivamente sul suo contenuto, non su chi l’ha scritta;

 

Le caratteristiche materiali più rilevanti della Lettera Rosa sono la grafia e il sigillo, in quanto elementi comunemente identificativi del mittente di un’epistola. In teoria, la caratteristica più difficile da falsificare sarebbe il sigillo, in quanto segno di riconoscimento dello speditore, mentre la grafia, ad eccezione della firma, non necessariamente deve appartenere all’autore, dato che un messaggio può essere redatto sotto dettatura da uno scrivano. Questa specifica missiva è, tuttavia, diversa dalla norma: fatta eccezione per il colore della cera, il sigillo non risulta particolareggiato, come del resto quelli delle lettere precedenti, quindi potrebbe essere fasullo; al contrario, la grafia, nonostante l’assenza di una conferma netta, sembra essere stata riconosciuta in via implicita come appartenente a Ramsay.

 

Per quanto concerne, invece, il testo dell’epistola, esso sembra avere diversi padri: lo stile complessivo è coerente con la personalità di Ramsay Bolton, ma sono presenti dettagli collegabili a più figure: in particolare, Mance Rayder, Theon Greyjoy e Stannis Baratheon. Dobbiamo pertanto supporre che il messaggio sia frutto o di un lavoro di gruppo oppure di una singola persona che ha raccolto e assemblato informazioni di varia provenienza.

 

Quest’ultimo caso sarebbe coerente con lo scenario che vede Ramsay autore della missiva: gran parte degli elementi testuali riconducibili a Mance e Stannis possono essere stati estrapolati torturando gli wildling prigionieri e combattendo contro il re Baratheon, mentre quelli riconducibili a Theon possono aver tratto origine da Ramsay stesso, in quanto padrone di Reek.

 

In alternativa, dobbiamo supporre che essa sia stata realizzata da una o più persone, le quali, oltre a disporre delle informazioni necessarie, per qualche ragione sono state in grado simulare la grafia di Ramsay e il sigillo dei Bolton, ma non l’inchiostro e il souvenir macabri. I maggiori indiziati sono i membri del “quartetto del villaggio dei pescatori”: Stannis Baratheon, Theon Greyjoy, Asha Greyjoy e Maester Tybald. Questo scenario, tuttavia, è fattibile soltanto se:

 

1) Stannis ha capito che Abel è Mance, cosa non scontata;

 

2) Asha ha ancora con sé la lettera di Deepwood Motte e/o Tybald è stato in qualche modo sciolto dal voto di fedeltà verso Dreadfort, cosa che può avvenire in teoria solo se il castello dei Bolton viene conquistato da Stannis;

 

3) Stannis, nonostante la sua vittoria nella Battaglia del Ghiaccio e l’aver finto con successo di essere morto, è in condizioni talmente disperate da provocare il caos alla Barriera e mettere a rischio la posizione e perfino la vita di Jon Snow con una menzogna pur di spingerlo a scendere verso Winterfell;

 

Si può anche ipotizzare che la lettera sia stata scritta direttamente da Mance, ma ciò presupporrebbe che è riuscito a sfuggire alle grinfie di Ramsay pur restando a Winterfell (non ci sono indizi del fatto che sia uscito dal castello), e che in qualche modo si è procurato le risorse materiali per fabbricare un convincente falso messaggio di Ramsay. Tutto ciò è piuttosto implausibile, anche immaginando per assurdo che Ramsay sia morto e che Mance abbia utilizzato il glamor di Melisandre per sostituirlo: tralasciando le difficoltà pratiche, l’incanto di mascheramento dovrebbe essere nelle mani di Mors Umber, se prendiamo per buona la teoria secondo cui Crowfood è l’Uomo Incappucciato.

 

Altre supposizioni, come quelle che vedono implicato Wyman Manderly o Melisandre, sembrano ancora più astruse, per cui mi riserverei di scartarle senza indugi.

 

In base agli aspetti materiali e immateriali della Lettera Bastarda precedentemente analizzati, nonché al principio di economia e a ragioni di eleganza narrativa, la tesi più verosimile sul responsabile della scrittura della missiva è che si tratti di Ramsay Bolton, cioè chi sembrava essere fin dall’inizio:

 

1) dal punto di vista diegetico, il fatto che la lettera paia scritta da diverse persone che non sono Ramsay può essere una falsa pista, e scoprire che l’autore è veramente chi dice di essere mentre è ciò che scrive a essere (involontariamente) fasullo sarebbe una soluzione originale all’enigma (qualcuno direbbe un abile scherzo di GRRM ai suoi lettori);

 

2) di sicuro, Ramsay non è rimasto a girarsi i pollici mentre Mance e le mogli di lancia creavano scompiglio, Theon e Jeyne scappavano, si svolgeva la Battaglia del Ghiaccio e Stannis fingeva di essere morto; come minimo, avrà cercato di capire come Theon e Jeyne erano fuggiti, perché era successo e cosa poteva fare per rimediare al guaio in tempi brevi.

 

3) Ramsay ha maggior facilità di accesso alle fonti e alle risorse necessarie per scrivere la lettera, si farebbe meno scrupoli a mettere in pericolo Jon con un messaggio così compromettente rispetto a Stannis o a Mance, e certamente inviare l’epistola maledetta sarebbe un’azione più semplice e furba rispetto, per esempio, a guidare una spedizione punitiva contro la Barriera;

 

Ciò nondimeno, non esistono prove definitive che l’idea di Ramsay autore della Lettera Bastarda sia quella giusta. Va considerata come possibilità credibile, ancorché in misura inferiore, quella secondo cui la missiva proviene da Stannis e dalla sua “squadra”. In un aspetto quest’ultima teoria si fa preferire alla precedente: non avendo più a disposizione POV a Winterfell, se lo scrittore del messaggio fosse Ramsay non sarebbe possibile assistere alla sua redazione e si scoprirebbe la verità solo per via traversa; se invece esso derivasse in qualche grado da Stannis, i lettori di ASOIAF scoprirebbero l’inganno in tempo reale, e sarebbe anche divertente osservare la reazione a catena che l’epistola ha provocato e provocherà.

 

 

Parte V - Ipotesi finali

 

In conclusione, propongo due scenari ipotetici in forma schematica relativi a cosa potrebbe succedere in TWOW sulla base di quanto analizzato:

 

 

Ramsay autore della Lettera Rosa

 

1) Mentre Ramsay Bolton interroga Mance Rayder e le mogli di lancia, i Frey e i Manderly escono da Winterfell per combattere Stannis;

 

2) Battaglia del Ghiaccio: Stannis Baratheon sconfigge i Frey con l’astuzia (si veda la teoria del Night Lamp) e simula la propria morte con l’ausilio dei Manderly e dei Karstark;

 

3) I Manderly e i Karstark portano la notizia della fine di Stannis e del mancato ritrovamento di Theon Greyjoy e Jeyne Poole; a quel punto, Ramsay lancia il guanto di sfida a Jon Snow con la Lettera Rosa e il Lord Comandante dei Guardiani della Notte viene ucciso e resuscitato;

 

4) Stannis effettua degli attacchi diversivi, facendo occupare lo sguarnito Dreadfort dagli Ironborn (si veda la teoria di Theon mascherato da Arnolf Karstark) ed eventualmente incendiando la legnosa Barrowton (il fatto che Ramsay desideri bruciare la città è un possibile presagio);

 

5) I Bolton reagiscono ai nuovi attacchi lasciando Winterfell incustodito, non sapendo che Stannis è in agguato; quest’ultimo ne approfitta per conquistare lo sguarnito castello degli Stark;

 

6) Mentre i Bolton, guidati da Ramsay, si recano a Dreadfort, giunge loro incontro il redivivo Jon Snow alla testa di un esercito di wildling: scoppia la Battaglia dei Bastardi;

 

7) Ramsay sembra sul punto di vincere, ma ancora una volta Stannis colpisce a sorpresa, capovolgendo l’esito dello scontro; i Bolton sono sconfitti.

 

 

Stannis e i Greyjoy autori della Lettera Rosa

 

1) Mentre Ramsay Bolton interroga Mance Rayder e le mogli di lancia, i Frey e i Manderly escono da Winterfell per combattere Stannis;

 

2) Battaglia del Ghiaccio: Stannis Baratheon sconfigge i Frey con l’astuzia (si veda la teoria del Night Lamp) e simula la propria morte con l’ausilio dei Manderly e dei Karstark;

 

3) I Manderly e i Karstark portano la notizia della fine di Stannis e del mancato ritrovamento di Theon Greyjoy e Jeyne Poole; a quel punto, Ramsay decide di comandare una spedizione contro Castle Black per eliminare Jon Snow;

 

4) Stannis manda a Jon la Lettera Rosa per spingerlo a lasciare la Barriera e creare un diversivo contro i Bolton; il Lord Comandante dei Guardiani della Notte viene ucciso e resuscitato;

 

5) I Bolton si dirigono a nord lasciando Winterfell incustodito, non sapendo che Stannis è in agguato; quest’ultimo ne approfitta per conquistare lo sguarnito castello degli Stark;

 

6) Mentre i Bolton, guidati da Ramsay, si recano a Castle Black, giunge loro incontro il redivivo Jon Snow alla testa di un esercito di wildling: scoppia la Battaglia dei Bastardi;

 

7) Ramsay sembra sul punto di vincere, ma ancora una volta Stannis colpisce a sorpresa, capovolgendo l’esito dello scontro; i Bolton sono sconfitti.

 

Nota bene: una variante del secondo scenario prevede che Stannis decida ugualmente di prendere Dreadfort, cosa che avrebbe voluto fare sin dall’inizio, e che sia Theon a redigere la Lettera Rosa nel castello dei Bolton.


The time between the notes relates the colour to the scenes
A constant vogue of triumphs dislocate man, so it seems
And space between the focus shape ascend knowledge of love
As song and chance develop time, lost social temperance rules above

Then according to the man who showed his outstretched arm to space
He turned around and pointed, revealing all the human race
I shook my head and smiled a whisper, knowing all about the place

Jon Anderson & Steve Howe (Close to the Edge)

 

What is honor compared to a woman's love? What is duty against the feel of a newborn son in your arms… or the memory of a brother's smile? Wind and words. Wind and words. We are only human, and the gods have fashioned us for love. That is our great glory, and our great tragedy.

George R. R. Martin (A Game of Thrones)

 

The measure of a life is a measure of love and respect,

So hard to earn, so easily burned
In the fullness of time,
A garden to nurture and protect
It's a measure of a life
The treasure of a life is a measure of love and respect,
The way you live, the gifts that you give
In the fullness of time,
It's the only return that you expect

Neil Peart (The Garden)

 

Ernest Hemingway once wrote, ‘The world is a fine place, and worth fighting for.’ I agree with the second part.

Andrew Kevin Walker (Seven)

 

In this game that we’re playing, we can’t win. Some kinds of failure are better than other kinds, that’s all.

George Orwell (Nineteen Eighty-Four)


Jacaerys Velaryon
Confratello
Utente
4537 messaggi
Jacaerys Velaryon
Confratello



Utente
4537 messaggi
Inviato il 30 maggio 2024 18:49 Autore

Oltre al video del Podcast del Ghiaccio e del Fuoco allegato al primo post, suggerisco la visione di questo video della Cittadella (sempre se avete tre ore di tempo libero blink).


The time between the notes relates the colour to the scenes
A constant vogue of triumphs dislocate man, so it seems
And space between the focus shape ascend knowledge of love
As song and chance develop time, lost social temperance rules above

Then according to the man who showed his outstretched arm to space
He turned around and pointed, revealing all the human race
I shook my head and smiled a whisper, knowing all about the place

Jon Anderson & Steve Howe (Close to the Edge)

 

What is honor compared to a woman's love? What is duty against the feel of a newborn son in your arms… or the memory of a brother's smile? Wind and words. Wind and words. We are only human, and the gods have fashioned us for love. That is our great glory, and our great tragedy.

George R. R. Martin (A Game of Thrones)

 

The measure of a life is a measure of love and respect,

So hard to earn, so easily burned
In the fullness of time,
A garden to nurture and protect
It's a measure of a life
The treasure of a life is a measure of love and respect,
The way you live, the gifts that you give
In the fullness of time,
It's the only return that you expect

Neil Peart (The Garden)

 

Ernest Hemingway once wrote, ‘The world is a fine place, and worth fighting for.’ I agree with the second part.

Andrew Kevin Walker (Seven)

 

In this game that we’re playing, we can’t win. Some kinds of failure are better than other kinds, that’s all.

George Orwell (Nineteen Eighty-Four)


osservatore dal nord
Confratello
Utente
2806 messaggi
osservatore dal nord
Confratello



Utente
2806 messaggi
Inviato il 06 giugno 2024 22:17

Un bel riassunto.

Io continuo a trovare narrativamente più sensato e facilmente spiegabile che sia Ramsay l'autore.

Anche perché non trovo un motivo davvero forte per cui mance,Stannis o un Theon vorrebbero attirare Jon lontano dalla barriera. Tutti questi personaggi lo sanno bene che Jon non ha un esercito da opporre ai Bolton giusto per dirne una. Mance poi metterebbe a rischio la vita del figlio così alla leggera ? E Stannis lascerebbe sguarnita la barriera pur sapendo degli estranei?

Date le condizioni meteo, dubito che avremo spedizioni secondarie contro Forte terrore e barrowtown. Anche narrativamente allungherebbero il brodo troppo



Jacaerys Velaryon
Confratello
Utente
4537 messaggi
Jacaerys Velaryon
Confratello



Utente
4537 messaggi
Inviato il 07 giugno 2024 10:59 Autore

Aggiungo un'informazione che avevo omesso a inizio thread:

 

La pergamena

Una caratteristica ricorrente delle missive in ASOIAF è che le pergamene tendono ad arricciarsi una volta srotolate:

Where to begin? Jon moved to the map. Candles had been placed at its corners to keep the hide from rolling up.

(Jon IV, ADWD)

The moment Jon set the letter aside, the parchment curled up again, as if eager to protect its secrets. He was not at all sure how he felt about what he had just read. Battles had been fought at Winterfell before, but never one without a Stark on one side or the other. "The castle is a shell," he said, "not Winterfell, but the ghost of Winterfell." It was painful just to think of it, much less say the words aloud.

(Jon VII, ADWD)

Questo dettaglio non è tuttavia presente nella descrizione della Lettera Rosa.

Contro Ramsay

Ciò è la dimostrazione che l’epistola non proviene dai Bolton: la pergamena non si richiude da sola perché è rimasta per poco tempo arrotolata ed esposta alle intemperie, segno che non arriva da Winterfell, ma da qualche località più vicina alla Barriera o addirittura dallo stesso Castle Black (per esempio, potrebbe averla scritta Melisandre).

Pro Ramsay

Quanto detto sopra non dimostra alcunché: il dettaglio in questione potrebbe essere stato banalmente omesso, come avviene per la lettera mandata ad Asha. Si può fare anche un ragionamento opposto all’ipotesi di una missiva falsa: se, come dice Jon, le pergamene si arricciano per proteggere metaforicamente i loro segreti, la mancanza di questo aspetto nell’enigmatica epistola è interpretabile come la prova che il suo autore è chi dice di essere e che egli crede in ciò che ha scritto.


The time between the notes relates the colour to the scenes
A constant vogue of triumphs dislocate man, so it seems
And space between the focus shape ascend knowledge of love
As song and chance develop time, lost social temperance rules above

Then according to the man who showed his outstretched arm to space
He turned around and pointed, revealing all the human race
I shook my head and smiled a whisper, knowing all about the place

Jon Anderson & Steve Howe (Close to the Edge)

 

What is honor compared to a woman's love? What is duty against the feel of a newborn son in your arms… or the memory of a brother's smile? Wind and words. Wind and words. We are only human, and the gods have fashioned us for love. That is our great glory, and our great tragedy.

George R. R. Martin (A Game of Thrones)

 

The measure of a life is a measure of love and respect,

So hard to earn, so easily burned
In the fullness of time,
A garden to nurture and protect
It's a measure of a life
The treasure of a life is a measure of love and respect,
The way you live, the gifts that you give
In the fullness of time,
It's the only return that you expect

Neil Peart (The Garden)

 

Ernest Hemingway once wrote, ‘The world is a fine place, and worth fighting for.’ I agree with the second part.

Andrew Kevin Walker (Seven)

 

In this game that we’re playing, we can’t win. Some kinds of failure are better than other kinds, that’s all.

George Orwell (Nineteen Eighty-Four)


Jacaerys Velaryon
Confratello
Utente
4537 messaggi
Jacaerys Velaryon
Confratello



Utente
4537 messaggi
Inviato il 13 giugno 2024 9:49 Autore

Un post su Reddit che elenca le varie teorie sulla lettera: https://www.reddit.com/r/pureasoiaf/s/2EmTSLQX1Q


The time between the notes relates the colour to the scenes
A constant vogue of triumphs dislocate man, so it seems
And space between the focus shape ascend knowledge of love
As song and chance develop time, lost social temperance rules above

Then according to the man who showed his outstretched arm to space
He turned around and pointed, revealing all the human race
I shook my head and smiled a whisper, knowing all about the place

Jon Anderson & Steve Howe (Close to the Edge)

 

What is honor compared to a woman's love? What is duty against the feel of a newborn son in your arms… or the memory of a brother's smile? Wind and words. Wind and words. We are only human, and the gods have fashioned us for love. That is our great glory, and our great tragedy.

George R. R. Martin (A Game of Thrones)

 

The measure of a life is a measure of love and respect,

So hard to earn, so easily burned
In the fullness of time,
A garden to nurture and protect
It's a measure of a life
The treasure of a life is a measure of love and respect,
The way you live, the gifts that you give
In the fullness of time,
It's the only return that you expect

Neil Peart (The Garden)

 

Ernest Hemingway once wrote, ‘The world is a fine place, and worth fighting for.’ I agree with the second part.

Andrew Kevin Walker (Seven)

 

In this game that we’re playing, we can’t win. Some kinds of failure are better than other kinds, that’s all.

George Orwell (Nineteen Eighty-Four)

Messaggi
5
Creato
2 settimane fa
Ultima Risposta
1 giorno fa

MIGLIOR CONTRIBUTO IN QUESTA DISCUSSIONE
Jacaerys Velaryon
4 messaggi
osservatore dal nord
1 messaggi